Handwriting is good and makes you smarter

According to science, handwriting stimulates creativity, makes memory and cognitive abilities stronger and it is also a powerful anxylotic.

🇮🇹 ⬇︎ versione italiana alla fine ⬇︎ 🇮🇹

Taking notes with the laptop - instead of by hand - is more and more common as it is certainly more convenient.


Just a copy and paste, a "edit font" and the page of notes becomes certainly cleaner and more orderly.

However, typing notes is much less effective than writing them by hand on a nice paper notebook. Writing-by-hand on a notebook, in fact, benefits for logical reasoning and conceptual thinking.

This is also confirmed by a study of the University of Princeton which analyzed two groups of students: one took notes by hand, the other, using a computer.


The group of students who had written by hand had better internalized the contents of the lesson.

These, unlike the students with laptops, had remained more focused throughout the lesson so then they were able to answer complex questions which required a redrafting of the contents of the lesson.



At Harvard you have to write by hand In the most prestigious U.S. University, there are many professors who require their students to take notes by hand because writing with paper and pen, Harvard professors are well aware, positively affects memory and cognitive abilities. In fact, according to the Professor of Pedagogy of the University of Rome Tre Roberto Vertecchi handwriting would increase the ability of language in children, allowing them to express more reflective and complex thoughts on paper. Moreover, even manual dexterity would improve, because learning to hold the pen to mark precise traits, full of sense and with a certain speed requires an education and training of the muscles of the hands not indifferent. Think about it, can you write well with both hands? If the brain were not involved in the sophisticated handwriting act, you would be able to learn to write even with your feet. According to Juan Antonio Núñez, professor of Linguistic skill development and coordinator of the writing center of the Autonomous University of Madrid, writing it by hand should turn into a didactic strategy.


"Writing on paper, in fact, favors the transformation of knowledge, because, in this way, it is necessary to process, synthesize, reflect, analyze and categorize. Handwriting is a process of abstraction where decisions are continually made "


Karin Harman James, a researcher at the Department of Cognitive Sciences of the University of Indiana who studied the activation of brain areas in children during the act of writing, shares the same opinion.


Three brain areas are involved in spreading the ink on the sheet to form, with your own hands, meaningful words: the left fusiform gyrus, the inferior frontal gyrus and the posterior parietal cortex.   In short,this is an act that seems simple but we know how to be complex. Nowadays we often choose the convenience of dictating, pinning on the smartphone, typing on a keyboard and just for work.


We are even assisted in writing: we begin to type the first letters and the computer suggests the word we are writing. Minimum effort, maximum result. But not the same benefit.

Hand writing decreases anxiety

handwriting is good and makes you smarter scrivere a mano

Writing by hand does not make you only smarter then, but it is a powerful therapy for mood and psychological state.

The very fact of picking up a pen and moving it by tracing the lines of the words we have in our heads, implies a concentration and a rhythm that is very different from that required by typing on a keyboard.

Hearing the noise and the sensation on the paper of our notebook, diary or simple fluttering sheet, to see that this remains stained, materially, of the words that were abstract in our brain, has the same power of creating a small object with our own hands. When we talk on the phone or in times of stress, we often draw sketches, circles, random shapes because of the soothing effect that writing gives. Taking the time to write by hand instead of typing on a keyboard has cognitive and neural benefits but also a healing effect for anxiety and stress. Taking the time to follow the path of the hand with the eye and putting the words in black and white has the same effect as a beautiful walk in nature. Not only!

The content of what we write increases the benefit.


Writing on a paper notebook our feelings and reflections, allows us to make an introspective balsamic journey for our mood and our brain.


It is no coincidence that many psychotherapists recommend it to their patients. This is confirmed by Sian Beilok, who teaches Cognitive Psychology at the University of Chicago.


The professor has shown that having perseverance in keeping a diary and writing our own daily events by hand is a miraculous antidote for combating stress, anxiety and depression.



Paper is forever, what you write down gets old with you.


Furthermore, writing by hand allows us to print paper, words, thoughts and data that will grow old with us and become yellow over time.


Hiding the diary in a drawer, flipping through the pages, dusting off old memories spread with ink give the concrete sense of being and re-living them.


By carefully looking at our handwriting on those pages we are almost able to remember the exact moment in which we wrote it and the state of mind in which we were when we used that particular pen.


What about you? since how long don't you write by hand?


Do you still have (or have you ever had) the writer's bump?


Don't you think that the writer's callus is one of the most romantic stories that hands can tell?


🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹


Scrivere a mano fa bene e rende più intelligenti



Stando a quanto afferma la scienza, scrivere a mano stimola la creatività e rafforza la memoria e le capacità cognitive in generale ed è anche un potente ansilotico.

Prendere appunti con il computer - invece che a mano- è sempre più comune in quanto certamente più comodo.


Basta un copia incolla, un “aggiusta formato” e la pagina di appunti è certamente più ordinata.


Tuttavia, scrivere al computer gli appunti è molto meno efficace rispetto al farlo scrivendo a mano su un bel quaderno di carta.

Scrivere a mano su un quaderno, infatti, genera benefici per il ragionamento logico e il pensiero concettuale.


Lo conferma anche uno studio dell’Università di Princetone che ha analizzato due gruppi di studenti: uno prendeva appunti a mano, l’altro, con l’utilizzo del computer.


Il gruppo di studenti che aveva scritto a mano aveva interiorizzato meglio i contenuti della lezione. Questi, a differenza degli studenti con laptop, erano rimasti più concentrati durante tutta la lezione ed erano stati poi in grado di rispondere a domande complesse che richiedevano una rielaborazione dei contenuti della lezione.



Ad Harvard devi scrivere a mano




Nella più prestigiosa Università americana, sono moltissimi i docenti che impongono ai propri studenti di prendere appunti a mano poiché scrivere con carta e penna, lo sanno bene i professori di Harvard, incide positivamente sulla memoria e sulle capacità cognitive.


Secondo il professore di Pedagogia dell’Università di Roma Tre Roberto Vertecchi la scrittura a mano aumenterebbe la capacità di linguaggio nei bambini, permettendogli di esprimere su carta pensieri più riflessivi e complessi.


Inoltre, anche la manualità stessa migliorerebbe, perché imparare a tenere la penna per segnare tratti ben precisi, pregni di senso e con una certa velocità impone un’educazione ed un allenamento dei muscoli delle mani non indifferente.


Pensaci, sai scrivere bene con entrambe le mani? Se non fosse coinvolto il cervello nel sofisticato atto di scrivere a mano, saresti in grado di imparare a scrivere anche con i piedi.


Secondo Juan Antonio Núñez, professore di Sviluppo dell’abilità linguistica e coordinatore del Centro di Scrittura dell’Università Autonoma di Madrid, lo scrivere a mano dovrebbe trasformarsi in una strategia didattica.


“Scrivere su carta, infatti, favorisce la trasformazione della conoscenza perchè in questo modo si deve processare, sintetizzare, riflettere, analizzare e categorizzare. La scrittura a mano è un processo di astrazione dove si prendono continuamente decisioni




Dello stesso avviso anche Karin Harman James, ricercatrice del Dipartimento di Scienze Cognitive dell’Università dell’Indiana che ha studiato l’attivazione delle aree cerebrali nei bambini durante l’atto di scrivere. Ben tre aree sono interessate nell’atto di stendere l’inchiostro sul foglio per formare con le proprie mani, parole sensate: il giro fusiforme sinistro, il giro frontale inferiore e la corteccia parietale posteriore.

Insomma, un atto che sembra semplice ma che sappiamo bene essere complesso e più faticoso.


Oggigiorno scegliamo spesso la comodità di dettare, di appuntare sullo smartphone, di scrivere su una tastiera e solo per lavoro.


Addirittura siamo assistiti nella scrittura! Iniziamo a digitare le prime lettere e il computer ci suggerisce la parola che stiamo scrivendo. Minimo sforzo, massimo risultato. Ma non lo stesso beneficio, no?



Scrivere a mano diminuisce l’ansia



Non solo scrivere a mano rende più intelligenti dunque, ma è una potente terapia per l’umore e lo stato psicologico.


Il fatto stesso di prendere in mano una penna e muoverla tracciando le linee delle parole che abbiamo nella testa, implica una concentrazione e un ritmo ben diverso da quello richiesto per digitare su di una tastiera.


Sentire il rumore e la sensazione sulla carta del nostro quaderno, diario o semplice foglio svolazzante, vedere che questo rimane macchiato, materialmente, delle parole che erano astratte nel nostro cervello, ha lo stesso potere che dà creare un piccolo oggetto con le proprie mani.


Quando parliamo al telefono o in momenti di stress, spesso disegniamo schizzi, cerchi, forme a casaccio per l’effetto distensivo che scrivere regala.


Prendersi il tempo per scrivere a mano anziché digitare su una tastiera, ha dei benefici cognitivi e neurali ma anche un effetto curativo per l’ansia e lo stress.


Prendersi il tempo per seguire con l’occhio il tragitto della mano e mettere nero su bianco le parole ha un effetto pari ad una bella passeggiata nella natura.


Non solo.


Il contenuto di ciò che scriviamo aumenta il beneficio; scrivere su un quaderno di carta le nostre sensazioni e riflessioni, ci consente di fare un viaggio introspettivo balsamico per il nostro umore e il nostro cervello. Non è un caso infatti che molti psicoterapeuti lo raccomandino ai pazienti che hanno in cura.

Lo conferma Sian Beilok, che insegna Psicologia cognitiva presso l’ Università di Chicago. La professoressa ha dimostrato che avere costanza nel tenere un diario e scrivere a mano i propri accadimenti di ogni giorno, è un antidoto miracoloso per combattere lo stress, l’ansia e i disturbi di origine depressiva.




La carta è per sempre, quello che scrivi invecchia con te


Scrivere a mano inoltre, consente di imprimere in un posto sicuro, la carta, parole, pensieri, dati che invecchieranno con noi ingiallendo nel tempo.


Nascondere il diario in un cassetto, sfogliarne le pagine, rispolverare vecchie memorie stese con l’inchiostro danno il senso concreto di essere esistite e di riviverle.


Guardando con cura la nostra grafia sulle pagine siamo quasi in grado di ricordare il momento esatto in cui lo abbiamo scritto e lo stato d’animo in cui eravamo, quando abbiamo usato quella particolare penna.


E tu, da quanto non scrivi a mano?

Ce l’hai ancora o ce l’hai mai avuto il callo dello scrittore?

Non trovi che il callo dello scrittore sia una delle storie più romantiche che le mani possano raccontare?




Follow us on:

  • Black Instagram Icon
  • Black Facebook Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Pinterest Icon
  • medium

Pssst...we'd love to see how much you like your inchiostro and paper products so make sure to use #inchiostroandpaper when sharing pictures on your Instagram and Facebook photos!

Never miss a thing!

© 2018 inchiostro and paper ltd. Company number - 11477993 - All rights reserved. 
Some of the pictures on this website are taken by Reetta Vahanen
We use cookies to help give you the best experience on our website.
By continuing without changing your cookie settings, we assume you agree to this.

Please read our cookie & privacy policy to find out more.